VITAMINE PER BAMBINI: QUALI SONO E PERCHÉ USARLE PER L’ALIMENTAZIONE DEL TUO BIMBO

Vitamine per bambini – vitamina D, Vitamina K, integratori vitaminici Dalla vitamina D, utile allo sviluppo delle ossa, alla vitamina K, essenziale per la corretta coagulazione del sangue: le vitamine sono importanti a tutte le età, ma ci sono fasi della vita, come la prima infanzia, durante le quali è più facile incorrere in una loro carenza.

In questa sede, scopriremo quali sono le principali vitamine per bambini, a cosa servono e fino a quando è opportuno procedere alla loro somministrazione. In particolare parleremo di Vitamina D e Vitamina K, le due vitamine più importanti per la crescita del bambino dalla primissima infanzia.

La vitamina D

La vitamina D facilita l'assorbimento del calcio ed è sostanza importante per la crescita e la salute delle ossa, nonché nello sviluppo della dentizione. Grazie a queste sue proprietà, si è guadagnata il titolo di "vitamina anti-rachitismo". Pur non essendo carente nel latte materno, la vitamina D, assunta con l'alimentazione, non copre più del 20% del fabbisogno giornaliero; la sua produzione è conseguente, soprattutto, all'azione dei raggi solari sulla pelle ed è inibita da eventuali creme con filtri protettivi. Poiché i bambini molto piccoli non vengono mai esposti direttamente al sole, in caso di insufficiente apporto con la dieta, è consigliabile integrare la vitamina D, almeno nei primi 2-3 anni di vita.
L’integrazione di vitamina D assume particolare importanza in Italia in relazione a studi epidemiologi che evidenziano una prevalenza di ipovitaminosi D superiore al 50% nelle varie epoche pediatriche.
Con ipovitaminosi D si intende sia deficit sia insufficienza di vitamina D, ed è particolarmente delicata nella primissima infanzia.
Il primo anno di vita del bambino è determinante nella prevenzione dell’ipovitaminosi D, per i seguenti fattori:

  • Le scorte di vitamina D del bambino 0-1 anno dipendono dallo stato vitaminico materno;
  • Il latte materno non contiene quantità di vitamina D sufficienti (< 80 UI/l) per la prevenzione del deficit nel primo anno di vita;
  • I bambini molto piccoli vengono scarsamente esposti alla luce del sole;
  • Nel primo anno di vita la velocità di crescita staturale è particolarmente elevata rispetto alle epoche successive.

La profilassi è, quindi, fondamentale per garantire uno stato vitaminico D adeguato e la prevenzione del rachitismo carenziale.

La vitamina K

La vitamina K è essenziale per la produzione di fattori implicati nel meccanismo di coagulazione del sangue. È infatti proprio per prevenire la malattia emorragica precoce che viene somministrata, di profilassi, a tutti i bambini al momento della nascita. Successivamente, la vitamina K è assimilata dagli alimenti ed è in parte sintetizzata dalla flora microbica dell'intestino. Ai bambini allattati al seno, viene tuttavia consigliato di proseguire con la sua integrazione, almeno fino al terzo mese di vita. Lo scarso apporto di vitamina K con il latte materno, insieme all’ immaturità della flora batterica intestinale del bambino, possono infatti determinare condizioni di carenza.

Integratori vitaminici per bambini, gli alleati del benessere

Gli integratori di vitamine per bambini possono aiutare a sopperire queste carenze, piuttosto comuni in tenera età.
Ne è un esempio 3MIL D®, l'integratore di vitamina D3 per bambini sviluppato da Milte. Il prodotto si presenta in gocce ed è a base di sola vitamina D che contribuisce al normale assorbimento ed utilizzo di minerali come il calcio ed il fosforo, al mantenimento di ossa e denti normali, alla normale funzione muscolare ed al buon funzionamento del sistema immunitario.
Per i bambini allattati al seno, da 0 a 3 mesi, è importante integrare anche la vitamina K. 3Mil® di Milte oltre alla vitamina D3 contiene la vitamina K, essenziale per una normale coagulazione del sangue, e la vitamina B6, che contribuisce alla normale funzione del metabolismo energetico.

Non solo vitamine ai bambini: i minerali essenziali al loro sviluppo

Le vitamine per bambini non sono gli unici nutrienti necessari al piccolo in fase di crescita. Una menzione a parte va riservata ad altri elementi, come il ferro e lo zinco. La combinazione del ferro, già di per sé importantissimo nella prevenzione degli stati carenziali, e dello zinco, incide sullo sviluppo neuro-cognitivo e rafforza, al contempo, il sistema immunitario del bambino.
Il fluoro, dal canto suo, protegge i denti dall'azione esercitata dalla carie e una sua integrazione può rivelarsi utile, almeno fino a quando il bambino comincerà a fare uso del dentifricio, prodotto a cui è normalmente addizionato.
Occorre infine accertarsi che i bambini assumano adeguate quantità di iodio, un oligo-elemento essenziale per la normale funzione della tiroide, spesso carente nella dieta quotidiana dei più piccoli.

Ok

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti. Se continui a navigare in questo sito acconsenti all’uso di tutti i cookie.
Se vuoi saperne di più clicca qui.